Header Top
Logo
Lunedì 18 Febbraio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Spagna, nuove complicazioni per trovare il bimbo caduto nel pozzo

VIDEO
colonna Sinistra

Spagna, nuove complicazioni per trovare il bimbo caduto nel pozzo

Nuovo scavo del pozzo parallelo, ma c'è ancora speranza

Madrid, 22 gen. (askanews) – Nuove complicazioni e nuovo stop alle ricerche per trovare il piccolo Julen, il bimbo di 2 anni caduto il 13 gennaio in un pozzo a Totalàn, vicino alla città spagnola di Malaga.

I soccorritori speravano di raggiungere la zona in cui si presume si trovi il piccolo, a circa 80 metri di profondità, tra martedì e mercoledì, ma i tempi si allungano a causa di difficoltà tecniche.

Un piano iniziale per raggiungere il bambino con un tunnel parallelo è stato abbandonato a causa dei continui crolli e smottamenti, così i soccorritori hanno iniziato a scavare un altro pozzo parallelo a quello in cui si trova Julen. L’idea era quella di metterlo in sicurezza con dei tubi e di far calare una squadra di minatori in una speciale gabbia per iniziare a scavare una galleria orizzontale di 4 metri che avrebbe dovuto collegare i due pozzi. Ma i tubi pensati per mettere in sicurezza il tunnel si sono rivelati troppo grandi.

“Sono comparse delle difficiltà tecniche, una volta raggiunti i 40 metri di profondità – ha spiegato il portavoce della prefettura di Malaga – i tubi non passavano più”.

Il pozzo è stato ora nuovamente perforato per essere allargato.

Nonostante le chance di ritrovare Julen vivo siano poche, i soccorritori coltivano ancora qualche speranza, ha dichiarato alla France Presse Bernardo Molto, portavoce della Guardia Civile della provincia di Malaga.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su