Header Top
Logo
Giovedì 15 Novembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Confimi Industria: Ministero per Pmi, basta interlocutore unico

VIDEO
colonna Sinistra

Confimi Industria: Ministero per Pmi, basta interlocutore unico

Agnelli: "Decreti non creano lavoro, leggi possono distruggerlo"

Milano, 15 ott. (askanews) – Stop a un unico soggetto associativo come interlocutore con il governo dal momento che include anche imprese pubbliche con potenziali conflitti di interessi e creazione di un ministero dedicato alle Pmi che danno lavoro a 16,5 milioni di persone e generano il 73,8% del Pil. Sono alcune delle richieste avanzate da Paolo Agnelli presidente di Confimi Industria durante l’assemblea annuale dal titolo “L’Industria scende in pista”, che si è tenuta presso l’Autodromo di Monza alla presenza fra gli altri del ministro dell’Interno, Matteo Salvini che ha dimostrato grande sintonia con Agnelli e ha apprezzato le proposte avanzate da Confimi, in particolare quella di avere una pluralità di interlocutori dal mondo delle imprese, come già accade con i sindacati. Il presidente di Confimi, Paolo Agnelli: “E’ ora che gli imprenditori escano dagli stabilimenti che occupano e si interessino un po’ di più di politica economica perché il loro futuro è in base alle scelte che governi, spesso non informati, emettono. Pertanto dobbiamo stare a fianco della politica per raccontare i nostri bisogni in modo diretto, senza intermediazioni fuorvianti”.

Fra i problemi da affrontare con Agnelli ha indicato il lavoro che non si “crea per decreto ma si può a volte distruggere per legge” e il cui costo è dell’11% più alto rispetto alla media Ue, e poi burocrazia, tasse, infrastrutture e costo dell’energia, che è superiore di circa l’87% rispetto alla media Ue. Come soluzione, Agnelli propone un mix di interventi: eliminazione dell’indeducibilità degli interessi passivi, dell’Imu sugli immobili produttivi e dell’Irap, ripristino della deducibilità di auto e telefoni dei dipendenti e recupero dell’Iva sui crediti insoluti. Fondamentale poi la formazione: un’azienda su tre fatica a trovare figure tecniche specializzate. Per questo Confimi ha deciso di lanciare Master in Fabbrica che sarà tenuto all’interno delle aziende associate con l’obiettivo di avvicinare la formazione al mondo delle imprese.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su