Header Top
Logo
Giovedì 16 Agosto 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • Ariano Folkfestival, elettronica ribelle con i palestinesi 47Soul

VIDEO
colonna Sinistra

Ariano Folkfestival, elettronica ribelle con i palestinesi 47Soul

"Semplicemente impressionanti dal vivo" (The Guardian)

Roma, (askanews) – l 17 Agosto ad Ariano Folkfestival, in Irpinia, arriva una delle scoperte musicali più interessanti in programma: i 47Soul. Nati in Giordania 5 anni fa, hanno creato un genere tutto loro, lo “Shamstep” (è anche il nome del loro EP di debutto), capace di fondere ritmi elettronici e suoni mediorientali alla debka, la musica e danza tradizionale palestinese di strada, con un pizzico di hip hop e reggae.

Il loro singolo di debutto “Intro to Shamstep” sfiora i 7 milioni di visualizzazioni e in poco tempo sono diventati un gruppo cult. “Semplicemente impressionanti dal vivo”, per usare le parole del The Guardian.

Il loro nuovo album è “Balfron Promise”, uscito il 2 febbraio di quest anno. Negli ultimi due anni la band ha vissuto a Londra e risiede temporaneamente a Balfron Tower, zona di alloggi sociali nell’East End di Londra.

Recentemente, in seguito alla nuova proprietà, gli storici inquilini sono stati sfrattati per lasciare le residenze a padroni di casa più facoltosi e remunerativi. Un evento che ha influenzato la nascita e lo sviluppo dell album: guardare i loro vicini sfrattati da un luogo che consideravano casa ha riacceso in loro sentimenti conosciuti. “Balfron Promise” nasce da qui, ma è anche un cenno alla Dichiarazione Balfour (siglato nel 1917, è il documento ufficiale della politica del governo britannico in merito alla spartizione dell’Impero Ottomano all’indomani della prima guerra mondiale).

“Testi in inglese e arabo politicizzati e un suono iper-energetico. Da tenere assolutamente sott occhio”: il giudizio di Rolling Stone Italia. Al di là delle loro influenze musicali, infatti, i 47SOUL sono rinomati per l impegno sociale. Il nome stesso della band è un’allusione all’occupazione della Palestina. I loro testi raccontano spesso storie di oppressione e gli sforzi di persone normali per combatterlo, non solo in Medio Oriente ma in tutto il mondo.

Oltre 350 artisti in 23 anni, più di 1000 ore di musica, 36 nazioni invitate sul palco, 20.000 presenze in ogni edizione, 10 aree collaterali. Questi i numeri di Ariano Folkfestival, tra i più interessanti appuntamenti europei dedicati alla world music, che torna dal 15 al 19 agosto firmando la sua XXIII edizione ad Ariano Irpino (Avellino, Campania).

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su