Header Top
Logo
Mercoledì 14 Novembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • Michela Andreozzi: sono childfree. Perché? Non me lo chiedete più

VIDEO
colonna Sinistra

Michela Andreozzi: sono childfree. Perché? Non me lo chiedete più

L'attrice pubblica un libro ironico su scelta di non avere figli

Roma (askanews) – Michela Andreozzi è diventata la portavoce delle “childfree”, le donne che hanno scelto di non avere figli e che spesso si trovano a dover giustificare la propria decisione. L’attrice, autrice, sceneggiatrice, nel suo primo film da regista, “Nove lune e mezza”, aveva afforntato proprio il tema della maternità, ora HarperCollins pubblica il suo libro “Non me lo chiedete più”, con sottotitolo “La libertà di non volere figli e non sentirsi in colpa”.

“E’ un tema che mi riguarda personalmente, nel senso che più volte ho espresso questo desiderio, oppure questa mancanza di desiderio, cioè questo mia natura e ho trovato tantissima condivisione” spiega Andreozzi. “Una volta erano zitelle, o sterili o suore, oppure erano delle intellettuali che decidevano di dedicarsi alla carriera, grandi nomi della nostra scienza, la Montalcini, la Hack, sono donne che si sono dedicate alla carriera, hanno dichiarato di non essersi volute riprodurre. Io dico che c’è una possibilità di realizzare se stesse come persone indipendentemente dalla realizzazione legata alla maternità”.

In tono ironico, divertente, facendo tanti esempi anche personali, Michela racconta come sia ancora forte la pressione sociale verso le donne che non vogliono diventare madri, e illustra in maniera brillante i vantaggi di questa scelta: “I vantaggi di essere childfree sono, credo, poche occhiaie la mattina, adesso stiamo scherzando, però diciamo che il beneficio più grande che io provo è la cura del tempo e la cura che io dedico alla vita in generale, anche agli altri. Io ho possibilità di dedicarmi alla coppia, tanto, che io non chiamo coppia, chiamo una piccola famiglia di due”.

Se si chiede all’autrice se lei abbia una sua icone childfree, risponde: “Ho dei riferimenti di supereroine femminili e sono miste, alcune hanno figli, alcune non ne hanno, assolutamente per me la discriminante non è quella. Però, una su tutte, è un personaggio di fantasia, ed è la più materna delle childfree, che è praticamente perfetta sotto ogni punto di vista, che è Mary Poppins”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su