Header Top
Logo
Martedì 18 Dicembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Innovazione e tecnologia per vincere sfida contro danni del fumo

VIDEO
colonna Sinistra

Innovazione e tecnologia per vincere sfida contro danni del fumo

Al Festival della Scienza Medica i progressi di Philip Morris

Bologna (askanews) – La sfida del 21esimo secolo per ridurre i danni delle malattie correlate al fumo si può vincere attraverso l’innovazione e la tecnologia. Su questo si sono confrontati medici ed esperti del settore al Festival della Scienza medica, l’appuntamento che riunisce a Bologna scienziati e clinici di fama internazionali e i massimi esperti nei diversi ambiti della ricerca e dell’innovazione in campo medico-sanitario.

 

Ha portato un contributo all’evento Eugenio Sidoli, presidente e amministratore delegato di Philip Morris Italia, la multinazionale del tabacco che da dieci anni ha avviato una profonda trasformazione interna attraverso lo sviluppo di nuovi prodotti alternativi e dai rischi potenzialmente ridotti rispetto al fumo della sigaretta tradizionale. “E’ un onore partecipare al Festival della Scienza medica – ha detto – Si parla di medicina, di innovazione e tecnologia e il motivo per cui siamo qua è per parlare del nostro futuro, per raccontare a questa platea di scienziati e di persone coinvolte sulle tematiche sanitarie chi sarà Philip Morris nel giro di qualche anno, quali sono i nostri ambiziosi obiettivi nella visione di un futuro senza fumo e quali sono i prodotti e le scelte concrete che stiamo facendo per rendere questo progetto il più rapido possibile”.

 

Davanti alla platea di medici e futuri medici, Sidoli ha presentato gli investimenti e le strategie future di Philip Morris e in particolare le caratteristiche e i primi studi realizzati sui Prodotti a Rischio Ridotto e in particolare sul Tobacco Heating System 2.2, nome commerciale IQOS. “Il progresso che stiamo facendo in Italia con IQOS e con la nostra visione di un futuro senza fumo è un progresso di cui siamo soddisfatti – ha sottolineato Sidoli – Le limitazioni che abbiamo sono prevalentemente nell’area dell’informazione. Riteniamo che il consumatore e il fumatore non sia sufficientemente informato dell’esistenza di alternative a un rischio potenzialmente più basso rispetto al consumo di sigarette”.

 

 

Fondamentale, nei prossimi anni, sarà il rapporto con i medici che hanno il compito di informare i propri pazienti sugli strumenti a disposizione per ridurre il danno delle malattie legate al fumo, come ha ricordato Luigi Godi, senior scientific & medical advisor Philip Morris Italia. “L’obiettivo di Philip Morris Italia è assolutamente quello di far conoscere alla classe medica questa potenziale alternativa rispetto al fumo di sigaretta per questo motivo stiamo partecipando a numerosi congressi scientifici e ad ogni occasione scientifica nella quale ci viene permesso di partecipare, proprio per mettere a conoscenza le attività di ricerca e sviluppo che stiamo effettuando alla classe medica”.

 

 

 

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su