Header Top
Logo
Mercoledì 19 Settembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • “Eden Teatro”, all’Eliseo il varietà di Viviani riletto da Arias

VIDEO
colonna Sinistra

“Eden Teatro”, all’Eliseo il varietà di Viviani riletto da Arias

Fino al 29 marzo lo spettacolo con Mariano Rigillo

Roma, (askanews) – Dopo il grande successo di “Circo equestre Sgueglia” il regista Alfredo Arias riporta sul palcoscenico il mondo di Raffaele Viviani in “Eden Teatro”, in scena al Teatro Eliseo fino al 29 marzo. In scena Mariano Rigillo, Gaia Aprea, Gennaro Di Biase, Gianluca Musiu, Anna Teresa Rossini, Ivano Schiavi, Paolo Serra, Enzo Turrin ridanno vita a quel mondo del varietà che Viviani raccontava tra gioie e malinconie. Per Rigillo lo spettacolo è un omaggio a quel vecchio mondo: “Sono per la maggior parte sciantose, uomini che stanno appresso alle sciantose, impresari, claqueurs, facchini di teatro, questa gente qui, più diciamo fans. E’ un omaggio molto condito di rimpianto, è un omaggio malinconico per certi aspetti, ma per altri aspetti non può non essere anche un omaggio gioioso, festoso, perché comunque è uno spettacolo che richiama molto questa festosità, anche se è una festosità un po’ baldraccona, di questo tipo di mondo”.

Nello spettacolo Arias fa vestire agli uomini i panni delle donne e viceversa. Cicci Rossini vede così questa rilettura da parte del regista del mondo di Viviani:

IN 04.13 OUT 04.43

“C’è un intervento da parte del regista solo apparentemente violento, perché in effetti salva tutto quello che vuole raccontare l’autore: le sensazioni, questa sottesa disperazione, questo vagare di anime un po’ perdute, che ognuna ha un risvolto tragico, drammatico, pur facendo molto ridere e divertendo molto lo spettacolo”.

Gaia Aprea è convinta che Eden Teatro abbia un tocco felliniano.

IN 01.48 OUT 02.03

“C’è sempre in Alfredo, in Viviani e in Fellini un occhio dolce, accondiscendente e comprensivo delle piccolezze umane.

IN 02.09 OUT 02.21

Gli esseri umani vengono messi in mostra anche nei loro punti più bassi, ma proprio mentre rappresentano se stessi così ci fanno una grandissima tenerezza”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su