Header Top
Logo
Domenica 25 Febbraio 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Familiari vittime Rigopiano al Quirinale da Mattarella-Gentiloni

VIDEO
colonna Sinistra

Familiari vittime Rigopiano al Quirinale da Mattarella-Gentiloni

Le immagini senza commento

Roma (askanews) – “È un atto doveroso ed è un’occasione, nel luogo che rappresenta tutti gli italiani, ricordare la tragedia di Rigopiano, le vittime, rivolgere un pensiero ai familiari qui riuniti, ringraziare di nuovo l’impegno con il quale i soccorritori si sono mossi in quella terribile notte. La giornata di oggi è per il governo una giornata di riflessione perchè le circostanze legate a quella tragedia furono molto speciali dal punto di vista climatico, per il rapporto tra eventi climatici e sismici, ma al di là della straordinarietà delle circostanze restano gli interrogativi e le istituzioni hanno il dovere di rispondere a questi interrogativi”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, intervenendo al Quirinale all’incontro con i familiari delle vittime della tragedia dell’Hotel Rigopiano.

“Sarà la magistratura – ha ricordato – a fare chiarezza sulle modalità dei soccorsi e sulla scelta di localizzare quell’albergo in quello specifico territorio, tocca tuttavia al governo e al prossimo Parlamento da un lato intensificare il nostro impegno per la prevenzione sapendo che questi eventi climatici estremi possono moltiplicarsi e che lo Stato non può trovarsi impreparato”.

“È stata una tragedia immane – ha aggiunto il Capo dello Stato – che vi ha colpito colpendo i vostri congiunti come vittime, avvertita da tutto il nostro Paese. L’emozione di quei giorni ha coinvolto tutti i nostri concittadini. È passato un anno e questo dimostra che il passare del tempo non attenua l’emozione che ha raccolto l’intero Paese intorno a voi. So bene che in tragedie come queste la solidarietà, l’emozione collettiva e la partecipazione emotiva non risolvono i problemi perché per i familiari delle vittime è difficile riprendere la vita perché nulla è più come prima”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Sezione Video Olimpiadi
Blog PyeongChang 2018
Torna su