Header Top
Logo
Giovedì 14 Dicembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Il Papa in Myanmar con il nodo diplomatico dei Rohingya

VIDEO
colonna Sinistra

Il Papa in Myanmar con il nodo diplomatico dei Rohingya

Bergoglio parte il 26 novembre, poi in Bangladesh

Roma, (askanews) – Tutto pronto in Myanmar per l’arrivo di Papa Francesco nel Paese domenica 26 novembre. Fervono i preparativi nelle piccole comunità cattoliche locali. A Yangon Bergoglio incontrerà il generale dell’esercito del Myanmar, paese a maggioranza buddista, e i rappresentanti delle altre religioni presenti nel paese. A “suggerire” al Papa questi due appuntamenti in un paese dove la Consigliere di Stato (presidente de facto) Aung San Suu Kyi condivide ancora il potere con i militari, è stato il cardinale del Myanmar Charles Bo. Sempre il porporato ha pubblicamente e privatamente chiesto al Papa di non menzionare per nome i Rohingya, minoranza di religione musulmana perseguitata da decenni in Myanmar e male accettata anche nel vicino Bangladesh.

E proprio nel Bangladesh, paese a maggioranza musulmana, il Papa, venerdì primo dicembre, incontrerà un “piccolo gruppo” di Rohyngia nel quadro di un incontro interreligioso.

“Siamo molto eccitati e aspettiamo con gioia di incontrare il Papa. Lo abbiamo visto solamente in televisione”, dice questa donna birmana.

“La grande maggioranza della gente, in Myanmar – spiega Richard Horsey, analista politico – non crede alle dichiarazioni internazionali sugli abusi contro i Rohingya e al numero di rifugiati che vediamo in Bangladesh. Non è accettato come fatto qui in Myanmar e credo che se il Papa venisse e intervenisse su questi temi, infiammerebbe le tensioni e i sentimenti pubblici”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su