Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Terremoto in centro Italia, crowdfunding per la ricostruzione

VIDEO
colonna Sinistra

Terremoto in centro Italia, crowdfunding per la ricostruzione

"Ricostruzione trasparente" la piattaforma per monitorare i dati

Milano (askanews) – Duecentonovantanove morti, 26mila sfollati e 62 comuni interessati. Sono i numeri dell’ondata sismica che, dal 24 agosto 2016 ha colpito il centro Italia.

A quattro mesi da quell’evento, al fine di favorire la ricostruzione nei luoghi colpiti dal sisma e, soprattutto, per capire come e dove vengono spesi i soldi, l’associazione Ondata ha promosso “Ricostruzione trasparente”, un’iniziativa di crowdfunding per creare una piattaforma digitale per raccogliere, analizzare e rendere fruibili a tutti i dati e le analisi sul monitoraggio della ricostruzione post-sisma. È promossa da Banca Etica e sostemuta, tra gli altri, da ActionAid, Wikimedia Italia e dalla piattaforma Terremotocentroitalia.info.

Per assicurare la massima trasparenza dei lavori, inoltre, la piattaforma avrà accesso anche alle informazioni utili a identificare imprese, tecnici e amministrazioni coinvolte in ogni pratica di risarcimento o di appalto.

Così il data scientist Andrea Borruso e la giornalista Elena Iannone, nello spot realizzato per promuovere l’iniziativa.

“Ricostruzione trasparente, nasce per raccogliere in un unico sito tutti dati della ricostruzione e fare in modo che sia semplice seguirli e verificarli”.

“Servirà a condividere informazioni, tenere sotto controllo cantieri, spese e responsabili. Lavoro per lavoro e casa per casa”.

Al momento sono stati raccolti i primi 5mila euro, donati da oltre 120 sostenitori. L’iniziativa funziona in questo modo: per ogni euro donato, l’associazione Actionaid ne aggiunge un altro fino a concretizzare l’obiettivo, come spiegano il giornalista André Nelson Mauro e il Project manager, Lorenzo Perone.

“Per realizzarlo collaboreremo con tutti: istituzioni, associazioni e cittadini”.

“Lavoriamoci insieme, anche tu devi controllare che la ricostruzione procede senza intoppi”.

Per partecipare, fino al 15 febbraio 2017, basta andare sul sito dell’iniziativa, ospitata dalla piattaforma produzionidalbasso.com e scegliere il tipo di donazione che si vuole effettuare. Ogni sostenitore potrà monitorare liberamente i dati e verificare l’andamento dei lavori.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su