Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Pirelli: Mobilità sostenibile a Campinas, questione di metodo

VIDEO
colonna Sinistra

Pirelli: Mobilità sostenibile a Campinas, questione di metodo

Salone della CSR: presentato il Sustainable Mobility Project 2.0

Milano, 7 ott. (askanews) – Utilizzare conoscenze, saper fare, e strumenti propri di un grande gruppo industriale per aiutare il governo di una città a comprendere meglio i bisogni dei suoi cittadini e a risolverli n modo efficiente. Nel concreto: riscrivere il piano di mobilità urbana di un’area metropolitana di due milioni di persone. E’ il progetto realizzato da Pirelli a Campinas, città brasiliana, e presentato a Milano al Salone della CSR e dell’Innovazione Sociale.

Lorenzo Cella, della divisione Sostenibilità e Governo dei Rischi del gruppo Pirelli: “Al Salone abbiamo presentato la nostra esperienza a Campinas in cui abbiamo promosso una riscrittura del piano di mobilità sostenibile. E’ durato tre anni e siamo riusciti attraverso la comunità locale e la pubblica autorità ad incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici e della mobilità attiva come le biciclette”.

Il progetto rientra nell’ambito del “Sustainable Mobility Project 2.0” promosso dal World Business Council for Sustainable Development, l’associazione che raggruppa oltre 200 multinazionali dell’automotive di 30 Paesi. Il Sustainable Mobility Project 2.0 ha coinvolto come città campione, oltre Campinas, anche Amburgo, Bangkok, Chengdu, Indore e Lisbona. Pirelli ha contribuito appunto con la sperimentazione nella citta brasiliana sede di un suo stabilimento. “Il più grande miglioramento che abbiamo portato, è stato di fatto l’aver rotto i silos molto forti e evidenti tra i diversi assessorati – ha spiegato Cella – Abbiamo portato una visione olistica della mobilità che travalicasse la specifica infrastruttura dei trasporti ed arrivasse ad abbracciare una maggiore sicurezza stradale e dall’altra parte anche una maggiore inclusività delle periferie e delle aree più disagiate”.

Alla base di alcune disfunzioni nel sistema di trasporti nella città brasiliana c’era dunque la visione parcellizzata di singoli problemi. Visione superata grazie all’approccio e al metodo proposto da Pirelli. “Abbiamo messo per la prima volta intorno ad un tavolo comune i vari assessorati, e portato evidenza dei sondaggi fatti con la popolazione – ha raccontato il manager di Pirelli – Li abbiamo quindi portati a discutere insieme su come avere una vista integrata sulla mobilità che si è declinata in uno sviluppo delle corsie preferenziali per i bus, una espansione delle piste ciclabili, e una maggiore inclusione delle persone diversamente abili soprattutto in termini di miglioria dei pavimenti o dei marciapiedi”.

Il modello e gli strumenti suggeriti da Pirelli hanno permesso anche di capire che per realizzare mobilità sostenibile e inclusione non basta solo avere buone attrezzature, ma serve soprattutto capacità di ascolto. “Attraverso un sondaggi abbiamo portato evidenza che pur avendo Campinas delle infrastrutture all’avanguardia per le persone diversamente abili, in realtà la scarsa qualità dei marciapiedi impediva di fatto alle persone di accedere ai servizi di mobilità – ha concluso cella – Grazie invece al sondaggio promosso da Pirelli e dalle altre aziende presenti nel progtto, abbiamo portato questa evidenza e abbiamo proposto una miglioria sui singoli marciapiedi. E quindi una migliore accessibilità a persone con problemi di mobilità”.

luca.ferraiuolo@askanews.it

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su