Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
VIDEO
colonna Sinistra

I consigli di Facebook per un’estate social sicura

Condividere le emozioni senza correre pericoli

Milano (askanews) – Anche il tormentone dell’estate “Vorrei ma non posto” di J-AX e Fedez, parla dell’irrefrenabile voglia di condividere sui social network, perchè l’estate è sicuramente il periodo più social dell’anno. Secondo un’indagine condotta da Facebook, infatti, durante il periodo estivo le persone, in Italia, condividono il 15% in più rispetto al resto dell’anno per un totale di 28 milioni di contenuti generati ogni giorno.

Per non correre inutili rischi però è opportuno usare la testa e

proteggere i dati sensibili, per questo Facebook con il suo decalogo “Social Summer” invita a controllare le impostazioni di sicurezza e privacy del proprio profilo. Fondamentale proteggere l’account con una password sicura e non uguale a quella di usata per altre applicazioni.

Per evitare spiacevoli Tag, Facebook dà la possibilità di controllare i contenuti in cui si viene taggati prima che questi compaiano sul profilo e di impostare i filtri che faranno sentire al riparo da occhi indiscreti.

La funzione “Chi può contattarmi?” permette di decidere chi può inviare richieste d’amicizia e chi no.

Per la privacy è fondamentale e per essere sicuri di non aver lasciato una scia di accessi aperti su diversi dispositivi, basta andare nella sezione Impostazioni di protezione, e selezionare la voce dispositivi da cui hai effettuato l’accesso e terminare la sessione di quelli che non metterai in valigia.

Ci sono poi funzioni per controllare i browser e gli accessi anche grazie alla possibilità di richiedere un codice di sicurezza.

Infine, se è scappato un like o un commento di troppo, il registro attività tiene traccia di quanto abbiamo fatto e ci da la possibilità di rimuovere, foto, tag e quant’altro per un’estate socialamente sicura.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su