Header Top
Logo
Giovedì 27 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Il ministro Guidi si dimette dopo lo scandalo Tempa rossa

VIDEO
colonna Sinistra

Il ministro Guidi si dimette dopo lo scandalo Tempa rossa

"Sono in buona fede ma lo faccio per opportunità politica"

Roma (askanews) – Il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi si è dimessa in seguito all’intercettazione telefonica in cui rassicurava il compagno, l’imprenditore Gianluca Gemelli, riguardo alla prossima approvazione di un emendamento aggiunto in extremis alla legge di stabilità 2015. Il provvedimento dava il via libera al progetto di estrazione di petrolio nell’impianto di Tempa Rossa, nella Val d’Agri, favorendo lauti guadagni alle aziende di Gemelli, già indagato dalla Procura di Potenza per “traffico d’influenze illecite”, nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla locale Direzione distrettuale antimafia.

“Sono certa della mia buona fede e della correttezza del mio operato – ha scritto Federica Guidi in una lettera indirizzata al premier Matteo Renzi – credo tuttavia necessario, per una questione di opportunità politica, rassegnare le mie dimissioni dall’incarico di ministro”.

Immediate le reazioni del mondo politico che ora chiede di far luce anche sul possibile coinvolgimento del ministro Maria Elena Boschi, espressamente citata dalla Guidi nel corso della telefonata intercettata.

Dal canto suo il premier, dagli Stati Uniti, ha fatto sapere di aver apprezzatro il passo indietro deciso dal ministro del suo governo: una scelta personale e sofferta che condivido, ha detto Renzi.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su