Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
VIDEO
colonna Sinistra

La Cina a Roma a caccia di talenti italiani

Fondazione Italia-Cina: "Nel 2015 tre miliardi in Italia"

Roma, (askanews) – La Cina investe nei talenti italiani. A Roma una giornata di meeting internazionale e “Talent Fair” dedicata ad aziende e professionisti della cultura. Obiettivo, investire nelle eccellenze italiane per favorire la crescita dell’imprenditoria cinese. Come spiega per esempio Xidong Liu, presidente di Grains Group della Provincia di Jiangsu:

“Siamo qui in Italia per due motivi: il primo è per reclutare talenti italiani nei settori di produzione di cereali. Vorremmo sfruttare i talenti italiani per puntare sull’internazionalizzazione. Cerchiamo figure professionali del settore marketing e design per accrescere la nostra visibilità”.

Ma non solo cereali: presidenti e amministratori delegati di otto tra le principali aziende e università della provincia cinese di Jiangsu sono a Roma per incontrare le società italiane leader nell’industria culturale e reclutare designer, architetti, professionisti affermati del cinema, del marketing, della comunicazione.

Andrea Canapa, manager della fondazione Italia-Cina: “Nel 2015 abbiamo avuto circa 23-25 miliardi di euro come investimenti cinesi in Europa per i quali l’Italia è pesata al primo posto con circa 3 miliardi di euro di investimenti cinesi in Italia”. “Per quest’anno ci sarà una tendenza al rallentamento per alcuni aspetti visto che gli investimenti in beni primari sono stati già fatti, ma c’è una linea crescente sull’industria culturale. Pesa meno come macrodato ma pesa molto di più nei settori che riguardano la nostra economia”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su