Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Camiciaio di Fidel tra le botteghe romane che guardano all’estero

VIDEO
colonna Sinistra

Camiciaio di Fidel tra le botteghe romane che guardano all’estero

Ventotto artigiani nel progetto "Eccelenze Romane per l'Export"

Roma, (askanews) – Gioielli, scarpe, cappelli, vetri e paralumi realizzati dagli artigiani di Roma. Una realtà straordinaria da valorizzare e far conoscere all’estero. E’ così che è nato il progetto “Ere – Eccellenze Romane per l’Export” pensato dall’Irfi, Istituto romano per la formazione imprenditoriale, azienda speciale della Camera di Commercio di Roma, e cofinanziato dalla Regione Lazio. Il presidente dell’Irfi Erino Colombi:

“Questa iniziativa porta le migliori botteghe artigiane di Roma che si sono messe in gioco per andare a scrutare i mercati esteri. Qui ci sono delegazioni da Stati Uniti, Brasile e Canada, misurarsi con questi mondi vuol dire ragionare sul futuro, come portare queste cose bellissime in quei luoghi, vogliamo organizzarci per creare una filiera di successo a Roma”.

Ventotto le botteghe sceltre tra oltre 60, le loro creazioni sono in mostra al Tempio di Adriano fino al 14 febbraio. Una Miniexpo di eccellenze: tra loro, lo scultore Dante Mortet che ha relizzato per Quentin Tarantino un’opera dedicata all’ultimo film “The Hateful Eight” con le mani degli attori. O la vetreria d’arte che ha restaurato la Cappella Sistina, il calzolaio che ha realizzato scarpe per attori come Robert De Niro e Dan, l’artigiano delle camicie di Fidel Castro:

“Abbiamo avuto la fortuna con un nostro collaboratore a Cuba che ci ha preparato un defilé lì, siamo stati i primi, all’Avana, e abbiamo avuto un grosso successo per cui ho avuto l’onore di fare le camicie anche a Raul e Fidel Castro”.

“Abbiamo avuto tantissimi personaggi del cinema, della politica, della cultura, anche Frank Sinatra”.

O Patrizia Fabri, titolare dell’omonimo laboratorio antico di cappelli. Sue molte creazioni per il teatro dell’Opera o stilisti internazionali.

“Sto cercando di far conoscere il mestiere del cappellaio, ormai in via d’estinzione e di rilanciare nel mio piccolo l’uso del cappello che è l’accessorio più sensuale, affascinante e femminile”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su