Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mattarella: non si può dimenticare l’onta delle leggi razziali

VIDEO
colonna Sinistra

Mattarella: non si può dimenticare l’onta delle leggi razziali

"In tanti in Italia parteciparono alla caccia all'ebreo"

Roma, (askanews) – Le leggi razziali decise da Benito Mussolini hanno rappresentato per l’Italia “un’onta”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la celebrazione al Quirinale della Giornata della Memoria.

“Nei terribili mesi dell’occupazione nazista dell’Italia – ha ricordato il capo dello Stato – tante persone hanno nascosto, aiutato, salvato ebrei in fuga, a rischio della propria vita”. Alcuni di loro, ha continuato facendo riferimento al questore Giovanni Palatucci e all’amministratore dell’Avvenire d’Italia Odoardo Focherini, “sono morti nei campi di concentramento, proprio per il loro appoggio agli ebrei perseguitati. Sono circa 500 gli italiani riconosciuti da Israele come ‘Giusti’ fra le nazioni. Diverse migliaia si adoperarono in vari modi per la salvezza degli ebrei”.

Per Mattarella però “questo numero, non esiguo, non può far dimenticare l’onta delle leggi razziali. E soprattutto la circostanza che alla caccia all’ebreo decretata dai nazisti in Italia, dopo l’8 settembre, parteciparono attivamente, con zelo e ferocia, in tanti”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su