Header Top
Logo
Lunedì 21 Gennaio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Iraq, 25 anni fa fu abbattuto il Tornado di Bellini e Cocciolone

VIDEO
colonna Sinistra

Iraq, 25 anni fa fu abbattuto il Tornado di Bellini e Cocciolone

Il jet colpito dalla contraerea durante la prima guerra del Golfo

Milano (askanews) – Era il 18 gennaio 1991, 25 anni fa esatti, quando un cacciabombardiere Tornado dell’Aeronautica militare italiana, con a bordo il pilota magg. Gianmarco Bellini e il navigatore cap. Maurizio Cocciolone veniva abbattuto nei cieli dell’Iraq durante la prima guerra del Golfo, contro le truppe di Saddam Hussein che avevano invaso il Quwait. Si trattava, in concreto, del primo impiego bellico ufficiale dell’Italia dai tempi della Seconda guerra mondiale.

I Tornado italiani, nell’ambito della missione Locusta, partecipavano all’operazione Nato “Desert storm” facendo base sull’aeroporto di Al Dhafra ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti.

La notte di quel 18 gennaio, 48 ore dopo l’inizio della guerra, venne decisa la loro prima sortita operativa ma le pessime condizioni meteo non permisero ai piloti di fare rifornimento in volo, costringendo tutti gli equipaggi tranne uno a far rientro alla base.

Bellini e Cocciolone furono gli unici a rifornire e, come stabilito, decisero di procedere, attaccando e distruggendo i target prima di essere colpito dalla contraerea irachena.

Quella che segue, documentata dall’Aeronautica militare, è la registrazione originale di quegli attimi, tratta della scatola nera del Tornado italiano.

I due ufficiali si lanciarono sul deserto mentre l’aereo volava a 30 metri d’altezza a quasi 1000 Km all’ora. Furono catturati e fatti prigionieri. Per 2 giorni non si seppe nulla di loro fino a quando, il 20 gennaio, fu diffuso un video con l’interrogatorio del capitano Cocciolone.

Aveva il volto tumefatto, vittima di pestaggi e torture, ma era vivo. Fino a marzo, invece, non si ebbero notizie del magg. Bellini.

A guerra finita, però, entrambi gli ufficiali furono rilasciati e tornarono in patria dove potettero finalmente riabbracciare i propri familiari.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su