Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fondazione Inarcassa: appalti, “p.a. faccia programmazione”

VIDEO
colonna Sinistra

Fondazione Inarcassa: appalti, “p.a. faccia programmazione”

Tomasi: Concorso per Città della scienza vinto da "tre giovani"

Roma, (askanews) – La pubblica amministrazione si occupi della programmazione e del controllo degli appalti, ma non della progettazione. E’ questo uno dei punti fondanti per la legge delega sugli appalti, approvata alla Camera e che dovrà tornare al Senato per una seconda lettura, per Andrea Tomasi, presidente della Fondazione Inarcassa che riunisce architetti, ingegneri liberi professionisti; 165mila iscritti con una età media, per il 50%, al di sotto dei 40 anni.

“La riscrittura del codice degli appalti – ha spiegato Tomasi in una intervista video ad askanews – è un occasione da non perdere per superare anche il momento di profonda crisi che ha soprattutto i liberi professionisti. La legge delega licenziata dal Senato era stata già positivamente valutata. In particolare la centralità del progetto, di tutto il progetto nell opera pubblica e l’eliminazione del massimo ribasso. Il passaggio alla Camera ha accolto un altro cavallo da battaglia cioè il ruolo della pubblica amministrazione e delle strutture tecniche all interno del processo formativo di un opera pubblia. Da tempo insistiamo che la pubblica amministrazione si occupi di programmazione e controllo, a cominciare dal controllo sul nostro lavoro, ma eliminando la fase di progettazione dall’attività della pubblica amministrazione. La Camera, con le modifiche che ha operato sul testo del Senato, lo ha accolto”.

In questo contesto è molto apprezzato il lavoro dell’Anac che, per Tomasi, è “uno strumento molto importante”. Qualche preoccupazione per “il carico di lavoro che avrà la struttura in particolare dopo le modfiche da parte della camera al disegno di legge delega.

La fondazione Inarcassa ha avuto un ruolo importante nel progetto per la ricostruzione della Città della Scienza di Napoli, devastata da un incendio. “Un anno fa abbiamo lanciato il concorso di progettazione per la Città della scienza distrutta da un incendio doloso. Noi abbiamo promosso un concorso di progettazione, dando anche il supporto economico”. Un concorso con un bando totalmente innovativo che ha consentito a giovani di partecipare. Siamo riusciti a chiudere nei sei mesi previsti. Il progetto vincitore è un bel progetto redatto da tre giovanissimi colleghi a dimostrazione che a volte la freschezza delle idee può non essere limitata dalla scarsa esperienza”.

in 0.21 “Siamo negli studi

out 0.43… Parliamo di appalti”

in 0.55 “qual è la posizione della fondazione inarcassa sulla

out. 1.00 sulla legge delega sugli appalti?”

in 1.04 “la riscrittura del codice

out 3.17 … Ad iniziare dal controllo del nostro lavoro”

in 3.34 “ma eliminando la fase…

Out 4.28 …La normale attività di giurisprudenza”.

In 4.38 “ci preoccupa un po’ il carico di lavoro

out 4.58 … Ristudio nella sua operatività”

in 5.08 “una battuta sulla città della scienza…

out 6.46 …. Limitata dalla mancata esperienza”

in 7.15 – 7.17 “il concorso ha visto la partecipazione di architetti di tutto il mondo”

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su