Header Top
Logo
Lunedì 24 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Da Expo spinta all’ecommerce di prodotti agroalimentari italiani

VIDEO
colonna Sinistra

Da Expo spinta all’ecommerce di prodotti agroalimentari italiani

Spedizioni in tutto il mondo in 48 ore, ma è ancora una nicchia

Rho (askanews) – Tra i motivi per ricordare Expo 2015 ci sarà probabilmente anche il lancio del primo servizio completo e certificato di spedizione in tutto il mondo di prodotti agroalimentari, anche freschissimi, con la garanzia che arrivino a destinazione senza danni entro 48-72 ore. Lo ha lanciato il corriere espresso Dhl, partendo proprio dal supermercato del futuro che si trova all’interno dell’esposizione universale, con l’obiettivo di aprire un nuovo canale diretto di distribuzione per tantissime piccole e medie imprese italiane con prodotti di eccellenza. Simona Lertora, direttore marketing per l’Italia di Dhl.

“Siamo partiti a maggio, in linea anche con l’Expo, per lanciare un’offerta dedicata per chi vuole spedire food in tutto il mondo, quindi non solamente in Italia, offrendo una soluzione che tenga conto dei principi di igiene e sicurezza e soprattutto per preservare le condizioni organolettiche del Made in Italy”.

I numeri sono ancora quelli di una nicchia e per essere conveniente il servizio richiede spedizioni che valgano almeno 100-150 euro, ma il commercio elettronico è in costante crescita e c’è anche chi è partito già nel 2012, come racconta Filippo Casaccio, vice direttore del Consorzio Parmigiano Reggiano.

“I caseifici hanno iniziato sull’onda dell’effetto del terremoto a essere molto più coinvolti. In quell’occasione hanno imparato come gestire il confezionamento, la spedizione di piccoli ordini per privati e gruppi di acquisto. Da lì hanno continuato a investire su questo canale”.

Ad essere spediti sono soprattutto vini, olio, pasta, sughi e formaggi, diretti verso Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Russia e Cina.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su