Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge di Stabilità, i giovani di Confindustria: ora bisogna agire

VIDEO
colonna Sinistra

Legge di Stabilità, i giovani di Confindustria: ora bisogna agire

"Il via libera lo dà chi tiene in piedi il Paese"

Roma, (askanews) – La legge di stabilità varata dal Consiglio dei ministri, attesa all’esame della Commissione di Bruxelles e del Parlamento, contiene misure che vanno nella direzione giusta, per esempio il superammortamento. Ma c’è ancora qualche riserva. La tiratina d’orecchie al premier Matteo Renzi è arrivata dal presidente degli under 40 di Confindustria, Marco Gay, che, dal palco della tradizionale kermesse di Capri, ha sottolineato che ora “si tratta di agire”. “Il via libera lo dà chi tiene in piedi il Paese, l’impresa e i lavoratori”.

I giovani imprenditori sono convinti che all’Italia, ora più che mai, serva una visione da statista, non da politico. Insomma, sarebbe necessario mettere in campo provvedimenti capaci di agganciare la ripresa economica con l’obiettivo di raddoppiare le attese di crescita. E non interventi che mirano solo ad

allargare la base elettorale. Le perplessità dei giovani di Confindustria riguardano anche il Mezzogiorno.

“Per il Mezzogiorno non vogliamo incentivi a pioggia, ricette speciali e di breve periodo, perchè agire in modo selettivo e contingente sul piano fiscale o contributivo produce solo cattedrali nel deserto e al Sud e in Italia non ne servono più”.

E sulla questione del Sud è intervenuto anche il ministro dell’Interno Angelino Alfano: “Per il Sud il tema non è la quantità di risorse stanziate ma la capacità di liberare i lacci burocratici e di sbloccare la spesa. Questo non è avvenuto per decenni e il Sud ne ha pagato. Oggi dobbiamo fare di più e far ripartire l’edilizia, già con il Ponte sullo Stretto di Messina”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su