Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • La società immobiliare Sorgente Res Siiq sbarca a Piazza Affari

VIDEO
colonna Sinistra

La società immobiliare Sorgente Res Siiq sbarca a Piazza Affari

Ipo per la divisione real estate di prestigio di Sorgente Group

Milano (askanews) – Sorgente Res Siiq, divisione di real estate di Sorgente Group Spa, specializzata in immobili di prestigio, si quota a Piazza Affari sul Mercato telematico delle azioni ordinarie (Mta), gestito dalla Borsa italiana.

Collocati sul mercato 134 milioni di azioni provenienti dall’aumento di capitale; di queste, 13 milioni e mezzo sono rivolte al pubblico indistinto italiano mentre 120milioni e 500mila sono per gli investitori qualificati e istituzionali stranieri. Così il presidente di Sorgente Res, Valter Mainetti, a proposito della quotazione.

“Siamo pronti da tempo e volevamo farla – ha spiegato – con i contatti avuti con gli investitori stranieri riteniamo che si possa fare indipendentemente da queste altalenanze del mercato. È un’occasione per gli investitori perché il mercato italiano sta per ripartire. Le opzioni e le lettere d’intenti che abbiamo fanno sì che noi prima arriviamo, prima compriamo e poi, quando partirà il mercato, sarà un grosso vantaggio per gli investitori aver fatto questa Ipo (Initial public offering) e averci consentito di acquistare, con i loro denari gli immobili adesso. Certo se aspettiamo troppo poi gli immobili andranno su”.

Obiettivo di Sorgente Res è raccogliere, dalla vendita delle azioni, ciascuna al costo di 3 euro, tra i 400 e i 450 milioni di euro che verranno usati per acquisire altri immobili, in un momento in cui il mercato immobiliare italiano mostra decisi segni di ripresa, come spiega il vice presidente, Stefano Cervone.

“Noi ci attendiamo un futuro importante, di grande ripresa- ha detto – questa è una scommessa ma non siamo i soli a farla perché abbiamo una serie di operatori che stanno seguendo la nostra indicazione strategica e sicuramente c’è un futuro eccezionale per questo mercato”.

“Questo fatto che la richiesta di mutui, secondo l’Abi, sia aumentata di oltre l’80% fa ben sperare che la ripresa ci sia – ha aggiunto Mainetti – anche il fatto che il presidente del Consiglio abbia detto che toglierà le tasse sulla casa fa ben sperare”.

L’operazione è iniziata il 29 settembre 2015 con l’offerta limitata agli investitori istituzionali. L’offerta pubblica è invece partita il primo ottobre per terminare alle 13.30 del 9, mentre la negoziazione dei titoli a Piazza Affari inizierà il 15 ottobre.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su