Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ania: per gli italiani risparmi per 1,3 miliardi su polizze auto

VIDEO
colonna Sinistra

Ania: per gli italiani risparmi per 1,3 miliardi su polizze auto

Minucci: servono norme urgenti per ulteriore calo dei prezzi

Roma, (askanews) – Da tre anni le tariffe Rc auto sono in costante calo e questo ha prodotto un tesoretto da 1,3 miliardi per gli automobilisti italiani. Prosegue anche nel 2015 il trend di discesa dei prezzi ma servono altre norme per consolidare questo percorso virtuoso. Il presidente dell’Ania, Aldo Minucci, in occasione dell’assemblea annuale dell’associazione delle assicurazioni italiane è stato esplicito.

“Se si vuole rendere strutturale il calo dei prezzi – ha detto Minucci – appaiono necessari e urgenti nuovi interventi normativi volti al contenimento del costo dei sinistri”. Vanno nella giusta direzione, secondo il presidente dell’Ania, alcune misure del ddl Concorrenza. Ma l’invito è quello di intensificare la lotta contro le frodi e l’evasione assicurativa. Infatti, “si stima – ha spiegato – che circolino circa 3 milioni e 900mila veicoli senza copertura”.

Dal governo, per bocca del ministro dello sviluppo economico, Federica Guidi, l’impegno a favorire il calo delle tariffe che tra il 2012 e marzo 2015 mostrano una contrazione del 15%. Il ministro ha detto di aspettarsi che “i premi continuino a calare e che gli sconti per i consumatori che accettano le clausole disciplinate” dal provvedimento “siano realmente significativi”.

Intanto il settore assicurativo è alla vigilia di Solvency II che scatterà l’anno prossimo, una rivoluzione copernicana per le compagnie. Le assicurazioni italiane arrivano a questo appuntamento con i numeri in ordine. Minucci ha sottolineato che “l’industria assicurativa italiana ha conseguito nel 2014 risultati economici positivi, confermando la sua solidità patrimoniale”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su