Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Unicredit, le borse di studio ai giovani talenti della ricerca

VIDEO
colonna Sinistra

Unicredit, le borse di studio ai giovani talenti della ricerca

Due mln euro per mandare i giovani in prestigiose università

Milano (askanews) – Mit, Berkeley, London School of Economics: Unicredit apre le porte delle più prestigiose università del mondo a giovani laureati e ricercatori. Attraverso la fondazione “Unicredit & Universities” sono state assegnate a Milano ben 51 borse di studio e di ricerca e numerosi premi in materia economica e finanziaria. A beneficiarne giovani talenti provenienti dai Paesi dove è presente l’istituto bancario, che ha investito due milioni di euro, come spiega Paolo Cornetta, presidente della Fondazione: “L’evento di oggi è una bellissima festa. Abbiamo consentito a 130 giovani di coronare i loro sogni facendo un investimento sul loro futuro. E’ un onore che Unicredit abbia potuto dare loro questa possibilità”

Visto il successo di una simile iniziativa, che garantisce la collaborazione con 60 università in tutto il mondo, sono cresciute esponenzialmente le candidature. Tra le destinazioni scelte dagli stranieri c’è anche l’Università Bocconi. Il suo presidente Mario Monti non può che lodare iniziative come questa: “Sono veramente di grande importanza e denotano lungimiranza. Credo sia nell’interesse generale e delle aziende come Unicredit stimolare la ricerca, la formazione superiore e sempre più internazionale dei giovani brillanti. E’ così che si forma una cultura comune in Europa che può sostenere gli sforzi di tutti i nostri paesi”.

L’innovazione e la ricerca si confermano un asset fondamentale degli investimenti di Unicredit, come spiega l’amministratore delegato Federico Ghizzoni: “Nei prossimi 4 anni investiamo quasi un miliardo all’anno sull’innovazione e sul rinnovamento delle strutture della banca. Abbiamo bisogno di professionalità di un certo livello, non è facile trovarle e collaboriamo anche con le università per formare giovani laureati che possano poi essere adatti anche per il lavoro della banca”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su