Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: no a primarie per leader moderati, sono manipolabili

VIDEO
colonna Sinistra

Berlusconi: no a primarie per leader moderati, sono manipolabili

Non deve essere un politico di professione

Napoli (askanews) – Un nuovo partito arriverà per unire tutti i moderati, ma il leader non sarà scelto con le primarie. Silvio Berlusconi nel corso della conferenza stampa a Napoli con il candidato governatore del centrodestra Stefano Caldoro e la capolista Alessandra Mussolini ha voluto spiegare il motivo di questa scelta.

“Le primarie non esistono nella nostra Costituzione e, per giunta, sono manipolabilissime al punto che con questo sistema, la sinistra ha scelto in molte città italiane i peggiori sindaci della storia”.

Per Berlusconi il suo erede dovrà essere un esponente del mondo del lavoro o della cultura, sicuramente non un politico di professione.

“Soltanto nelle monarchie, il leader – cioè il re – sceglie il suo successore – prosegue Berlusconi -. In democrazia il leader viene scelto dal popolo, ci sono già protagonisti del centrodestra che sono in grado di proporsi come leader e saranno gli elettori a decidere, ma non con le primarie”.

Una risposta al segretario della Lega Nord, Matteo Salvini che aveva detto: “Non ci sono eredi e dinastie ma cittadini che dovranno scegliere il programma e i candidati per sfidare Matteo Renzi”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su