Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Vandana Shiva pianta semi bio nel Parco della biodiversità a Expo

VIDEO
colonna Sinistra

Vandana Shiva pianta semi bio nel Parco della biodiversità a Expo

Critica verso la Coca Cola: ci ruba la salute e la conoscenza

Milano, (askanews) – L’ambientalista indiana, Vandana Shiva, madrina del Parco della biodiversità di Expo. In compagnia del presidente di Bologna Fiere Duccio Campagnoli e dell’associazione “Donne in campo” la presidente di Navdanya International passeggia nel verde e pianta semi biologici italiani e indiani, tra cui zucca, fagioli e farro. L’occasione è l’apertura del Padiglione del biologico e la presentazione del Forum internazionale del biologico per Expo 2015.

“È stata una gioia camminare in questo parco, perché tutta l’Expo dovrebbe essere un parco della biodiversità ed è una gioia particolare piantare semi perché nutrono il futuro” ha detto.

“Questo è il più importante posto in Expo: con i semi e il terreno diciamo che la vita non si estinguerà”.

Biodiversità, ha spiegato, significa varietà di piante, di micro organismi che danno fertilità al terreno, di animali e di insetti come le api per l’impollinazione.

“Più riduciamo le api e distruggiamo la biodiversità più l’agricoltura diventa vulnerabile alle malattie e ai cambiamenti climatici e produciamo di meno, nutriamo meno: ho qui alcuni semi di farro questi non daranno allergie al glutine, i nuovi prodotti che chiamano ‘migliorati’ lo sono con l’aiuto della chimica e dell’industrializzazione ma questa è la fonte delle malattie. Noi abbiamo bisogno di semi di vita, in modo da avere la salute”.

Durante la passeggiata l’ambientalista ha scattato una foto al padiglione della Coca Cola, che è proprio a fianco, spiegando subito dopo il perché.

“C’è un parco della biodiversità che ci dà tante opportunità e a fianco la Cola Cola che distrugge la salute, ruba l’acqua a una comunità o a un ecosistema. Ci rubano la salute e la conoscenza, minacciano l’organizzazione mondiale della sanità quando dice i soft drinks sono un pericolo per la salute dei nostri bambini”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su