Header Top
Logo
Sabato 29 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Welfare, Emanuele: il terzo settore deve avere un ruolo maggiore

VIDEO
colonna Sinistra

Welfare, Emanuele: il terzo settore deve avere un ruolo maggiore

Modello vincente in Gran Bretagna

Roma, 13 mag. (askanews) – In un contesto di difficoltà dello stato e delle imprese, il terzo settore deve avere un ruolo maggiore nel modello di Welfare. La Fondazione Roma, con il suo presidente, il professor Emmanuele Emanuele, suggerisce una strada precorribile, sostenibile e confacente alla specificità del nostro paese per sopperire al vuoto lasciato da stato e imprese:

“Io credo fortemente che questo campo debba essere occupato dalla società civile, dalla cittadinanza attiva. Quella alla quale da tempo io mi rivolgo e per cui ho coniato il termine ‘terzo pilastro’, di fronte a uno stato e ai privati che hanno i loro problemi, perché ci sono tutte le possibilità perché questo si faccia. C’è però un bisogno fondamentale: un intervento costituzionale aggiuntivo che permetta al cittadino, nel caso in cui lo stato e le sue espressioni locali non possano o non vogliano rispondere alle sue istanze, di reclamare la possibilità di poterlo fare direttamente, tranquillamente senza problema”

Un modello come spiega Emanuele che si è già dimostrato vincente in Gran Bretagna:

“Un grande successo di Cameron in queste ultime elezioni di aver sbaragliato la concorrenza, a mio modo di vedere, riconducibile preminentemente alla ‘big society’, che non è altro, se posso permettermi di dire, il ‘terzo pilastro’ d cui io parlo da molto tempo”

Insomma, per Fondazione Roma, nel futuro occorrerà ripensare al modello di Welfare aprendolo maggiormente alla società civile, unica in grado di poter ricoprire il vuoto che progressivamente verrà lasciato dallo stato e dai privati.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su