Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Borse di studio e lavoro per 17 laureati dalla Philip Morris

VIDEO
colonna Sinistra

Borse di studio e lavoro per 17 laureati dalla Philip Morris

Investimento da 500 milioni per creare lavoro a Crespellano (Bo)

Milano, 27 apr. (askanews) – Diciassette borse di studio da 15 mila euro ciascuna per un totale di 250mila euro dedicate a progetti sullo sviluppo e il

trasferimento di conoscenze e competenze in campo agricolo,

economico ed ingegneristico, sviluppati da dottorandi e

ricercatori universitari di tutta Italia. Sono state assegnate A Bologna nell’ambito del progetto PM Campus: Empowering Research Award, promosso dalle due affiliate italiane del gruppo Philip Morris International (Philip Morris Italia e Intertaba).

Non solo, i 17 giovani laureati autori dei progetti potranno entrare a far parte della squadra che lavorerà nel nuovo stabilimento Philip Morris, di Crespellano, nel Bolognese, dove la multinazionale produrrà sigarette non a combustione. Un investimento di 500 milioni di euro che creerà lavoro per 600 persone in totale.

I dettagli nelle parole dell’Ad di Philip Morris Italia, Eugenio Sidoli.

“Ci sono – ha spiegato – sempre anche opportunità di inserimento nel progetto di Crespellano che in prospettiva ha un progetto di assunzioni piuttosto importante e quindi cerca talenti e risorse che abbiano voglia di investire energie e intelletto nella loro attività professionale”.

00.00.54

All’evento di Bologna era presente, tra gli altri anche il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.

“Noi abbiam bisogno di collegare molto di più la scuola, la formazione il sapere con l’impresa – ha detto il ministro – l’innovazione è un elemento essenziale per un Paese come il nostro perché è chiaro che non possiamo competere al ribasso con chi ha costi del lavoro più bassi dei nostri, quindi l’unica maniera è essere nella parte alta della classifica. In questo caso c’è una bella opportunità che dobbiamo porovare a moltiplicare”

A regime la nuova fabbrica sarà in grado di produrre 30 miliardi di sigarette non a combustione. Lo scorso ottobre il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha partecipato all’avvio di un laboratorio a Zola Predosa per i primi test della nuova sigaretta di Philip Morris.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su