Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Pompei, sequestro di beni per 6 milioni all’ex commissario Fiori

VIDEO
colonna Sinistra

Pompei, sequestro di beni per 6 milioni all’ex commissario Fiori

Inchiesta della Procura regionale della Corte dei Conti

Napoli, (askanews) – Presunto danno erariale. I finanzieri del comando provinciale di Napoli, dopo un’inchiesta della Procura regionale della Corte dei Conti per la Campania, hanno eseguito un sequestro di beni per quasi sei milioni di euro, nei confronti dell’ex commissario straordinario per gli scavi di Pompei, Marcello Fiori. Al funzionario è stato anche notificato, insieme ad altri nove dirigenti del ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo, nonché della Regione Campania, l’invito a fornire deduzioni.

Al centro dell’indagine ci sono i lavori per il Teatro Grande dell’area archeologica, realizzati nel 2010, per la fornitura di attrezzature per spettacolo e per l’allestimento scenico. Lavori complementari ritenuti “esorbitanti rispetto all’obiettivo di messa in sicurezza, conservazione e restauro del patrimonio del sito di Pompei” e che la commissione ministeriale di indirizzo e coordinamento aveva il compito di approvare e di assicurarne la congruità rispetto all’obiettivo.

Per la Guardia di finanza, l’affidamento dei lavori, “effettuato senza gara”, sarebbe avvenuto anche “violando le disposizioni emergenziali che imponevano al commissario delegato l’attuazione delle misure per mettere in sicurezza e salvaguardia l’area archeologica”. Opere di manutenzione che servivano a impedire il degrado dei beni archeologici e consentire la piena fruizione ai visitatori, senza alcun riferimento a interventi sull’allestimento di strutture o all’acquisto di attrezzature mobili per spettacoli teatrali.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su