Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Birmania, studenti accerchiati da polizia in un monastero

VIDEO
colonna Sinistra

Birmania, studenti accerchiati da polizia in un monastero

Protestano contro la riforma dell'istruzione

Leptadan, Birmania (askanews) – Davide contro Golia, verrebbe da dire. Poche decine di studenti birmani sono accerchiati da ore da centinaia di poliziotti in tenuta antisommossa in un monastero di Leptadan, dopo che i manifestanti avevano rifiutato l’ultimatum di sciogliere le righe.

Le autorità birmane fin dall’inizio hanno dichiarato illegale la manifestazione degli studenti che hanno organizzato una grande marcia per protestare contro la riforma dell’istruzione. La polizia ha isolato gli studenti che si trovano al monastero di Leptadan dagli altri che manifestano per strada.

“Siamo bloccati e abbiamo molte difficoltà. Fa molto caldo”, ha spiegato uno dei leader della manifestazione. Per il sole e la temperatura alcuni studenti si sono sentiti male e hanno dovuto fare ricorso ai medici. Altri dimostranti hanno iniziato uno sciopero della fame e promettono di non muoversi finché non avranno ottenuto delle risposte dal governo. Gli studenti giudicano la riforma dell’educazione antidemocratica e chiedono di cambiarla. Reclamano la decentralizzazione del sistema educativo, la formazione di sindacati di categoria e l’insegnamento anche nelle lingue delle minoranze etniche. Di recente anche alcuni monaci si sono uniti ai dimostranti.

Il regime sembra riluttante ad agire con la forza contro gli studenti, che sono una forza politica importante in Myanmar. I giovani sono stati la prima linea di tutte le rivolte che si sono svolte nel paese.

(immagini Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su