Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Le tasse si imparano a scuola: a lezione dai commercialisti

VIDEO
colonna Sinistra

Le tasse si imparano a scuola: a lezione dai commercialisti

Al via a Milano il progetto "Ti spiego le tasse"

Milano, (askanews) – A lezione di tasse e divertimento. È iniziato nella scuola “Pisacane Poerio” di Milano il progetto “I commercialisti nelle scuole – ti spiego le tasse” ideato per le classi quarta e quinta elementare dall’Associazione italiana dottori commercialisti e dall’Ordine di Milano con il patrocinio dell’Ufficio scolastico regionale della Lombardia. L’obiettivo è far capire il concetto di legalità fiscale ai cittadini di domani, per combattere l’evasione con un approccio culturale diverso. I bambini sono stati coinvolti attivamente: hanno scritto che tasse conoscevano e abbinato un servizio pubblico essenziale. Uno ha disegnato un salvadanaio e tutti, a turno, lo hanno bersagliato con le loro tasse appallottolate.

“E’ stata molto istruttiva, ho imparato che se non si pagano le tasse domani l’ambiente peggiorerà” ha detto un piccolo studente.

“Abbiamo imparato che pagare le tasse è importante” ha aggiunto una compagna.

“Mi è piaciuta tantissimo, abbiamo imparato che anche noi bambini paghiamo le tasse e ci sono vari tipi”.

Gli insegnanti Lodovico Gaslini, presidente di Aidc Milano, e Roberta Zorloni, segretario dell’Ordine di Milano, hanno anche spiegato con un esempio cosa significhi evasione fiscale: “E’ stato un piacere avere da questi bambini un ritorno e una partecipazione così attiva, era quello che speravamo di ottenere: avere uno strumento che li potesse coinvolgere nell’apprendere il valore sociale delle tasse, e abbiamo avuto la sensazione che con il gioco e il divertimento lo abbiano apprezzato”.

Il progetto “I commercialisti nelle scuole – ti spiego le tasse” va avanti con 35 scuole di Milano che hanno chiesto di partecipare, e 150 commercialisti che hanno aderito e fatto un corso di formazione. Sono coinvolte anche altre città, dove le sedi dell’ordine e dell’associazione diffondono il progetto sul territorio.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su