Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Agroalimentare, il 2014 pessima annata per l’olio extravergine

VIDEO
colonna Sinistra

Agroalimentare, il 2014 pessima annata per l’olio extravergine

A Firenze intesa Forestale-PromoFirenze per la tutela

Firenze (askanews) – Il 2014 è stato disastroso per l’olio italiano, per colpa della mosca olearia, un fenomeno che, purtroppo, sembra destinato a ripetersi in futuro. Almeno stando alla previsione del climatologo Giampiero Maracchi, presidente dell’Accademia dei Georgofili. Il problema, ha spiegato, è lo spostamento verso nord dell’Anticiclone delle Azzorre, con conseguente aumento delle piogge.

“Se l’estate diventa umida – ha detto – poi la mosca naturalmente è un’insidia da temere. Quindi non si può dire se succederà questa estate, perché le previsioni stagionali hanno una bassissima attendibilità, ma certamente risuccederà in certi anni”.

Per questo, spiegano gli esperti, è necessaria una maggiore tutela del Made In Italy: alla difesa in particolare dell’olio extravergine di oliva mira l’accordo tra il Corpo Forestale dello Stato e PromoFirenze, storico laboratorio della Camera di Commercio fiorentina. L’invito per i consumatori è di affidarsi ai propri sensi, come spiega la dottoressa Marzia Migliorini del laboratorio di Promofirenze

“Una volta stabilito che l’olio non deve avere difetti- ha spiegato – ci dobbiamo far guidare da queste sensazioni. Un olio con caratteristiche amare e piccanti presenti, è senz’altro un olio che ha subito un processo di trasformazione di qualità”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su