Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Maschere e sangue sui Geni di Palermo: ma è gesto di un artista

VIDEO
colonna Sinistra

Maschere e sangue sui Geni di Palermo: ma è gesto di un artista

Su statue simbolo della città l'invito a ridestarsi dall'apatia

Palermo (askanews) – Maschere color sangue sui volti dei Geni di Palermo. Sono comparse improvvisamente sulle due statue di piazza Rivoluzione e della Vucciria. Inorriditi, sorpresi, increduli i palermitani di fronte al macabro travestimento dei due simboli della città. Uno “scherzo” del martedì grasso? No, l’urlo di un artista palermitano. Con un “blitz” notturno Frillo (all’anagrafe Antonio Nicolò Zito) ha fatto indossare ai due numi tutelari della città le due maschere insanguinate. Scarlatte come il sangue. Le maschere delle morte.

“Quale simbolo migliore per spiegare il periodo che stiamo vivendo e la decadenza? Questa installazione vuole creare un piccolo choc rispetto all’abitudine con cui si vive una città che è in pieno degrado. Il tutto in una giornata di presunto divertimento come potrebbe essere quella del martedì grasso”.

A Carnevale ogni scherzo vale, ma i travestimenti dei due Geni non sono uno scherzo, sono il segno visibile e tangibile di una città che muore lentamente, che si spegne sotto i nostri occhi, così come le balate della Vucciria si sono asciugate di anno in anno. Un’installazione artistica che ha lo scopo di aprire gli occhi di chi la osserva.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su