Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ue, Katainen e Moscovici: ripresa lenta, ora più investimenti

VIDEO
colonna Sinistra

Ue, Katainen e Moscovici: ripresa lenta, ora più investimenti

Restano rischi al ribasso da geopolitica,mercati, mancate riforme

Bruxelles, (askanews) – Il lavoro in Europa non migliora come d0ovrebbe ed è giunto il momento di intervenire con un rilancio degli investimenti. E’ uno dei messaggi chiave lanciati alla presentazione delle previsioni economiche autunnali, dal

vicepresidente della commissione responsabile sulla crescita, Jyrki Katainen.

“Ci sono alcuni specifici fattori che portano al ribasso per le prospettive di crescita in Europa e in particolare nella zona euro: prima di tutto le tensioni geopolitiche, la fragilità dei mercati finanziari e il rischio di incompleta attuazione delle riforme strutturali”. Per questo proporremo – ha ricordato Katainen – un piano di investimenti di 300 miliardi di euro per rilanciare e sostenere la ripresa economica”.

“Non esiste un bacchetta magica per uscire dalla crisi. Bisogna agire su tre fronti: politiche di bilancio credibili, riforme strutturali ambiziose ed investimenti sia pubblici che privati. Dobbiamo tutti assumerci le nostre responsabilità, per generare una crescita più elevata e dare un effettivo impulso all’occupazione” ha spiegato Pierre Moscovici, commissario responsabile degli Affari economici europei.

La Commissione europea ha dunque rivisto al ribasso le stime di crescita dell’Italia e dell’intera Eurozona. Secondo Bruxelles, l’anno prossimo l’indebitamento tricolore sarà al massimo storico del 133,8%, per poi scendere. Tagliate anche le stime di ripresa rispetto alla primavera. Rallentano soprattutto Francia e Germania, mentre c’è stato un colpo di reni della Grecia che è fuori dalla recessione.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su