Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Scontri a Roma,Landini: “Noi aggrediti”, Delrio: “Paese è solido”

VIDEO
colonna Sinistra

Scontri a Roma,Landini: “Noi aggrediti”, Delrio: “Paese è solido”

La ministra Guidi: azienda ha garantito un massimo di 290 esuberi

Roma, (TMNews) – Proseguono le polemiche all’indomani degli scontri tra poliziotti e lavoratori delle acciaierie di Terni a Roma, dove erano venuti a manifestare contro il piano industriale di ThyssenKrupp. Secondo il leader della Fiom-Cgil, Maurizio Landini, la Questura di Roma mente:

“Non è vero ciò che sostiene la questura di Roma. Nessuno di noi, né i lavoratori, né i sindacati, ha mai detto che bisognava andare verso la stazione e nessuno ci ha mai provato”. “Noi siamo stati aggrediti in quella piazza. Non abbiamo fatto assolutamente niente”

Landini, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con i rappresentanti di governo sulla vertenza Ast, come gli altri sindacati ha chiesto di accertare i fatti e le responsabilità delle manganellate ricevute dagli operai dell’Ast di Terni e ribadito di non avere chiesto le dimissioni del ministro dell’Interno. Da parte sua Angelino Alfano in un’informativa al Senato ha detto: “Lontana anni luce da questo governo e quindi del ministero dell’Interno l’idea di manganellare gli operai, così come siamo certi che sia lontana dalla mente degli operai, pure in difficoltà e pure disperati, l’idea di scaricare sulle forze di polizia la tensione di momenti difficilissimi”.

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, ha garantito che nel paese “non c’è un problema di tenuta sociale”.

“Non credo che ci sia un problema di tenuta sociale nel paese”. “E’ un paese vivo e serio, è chiaro che in momenti di grande sofferenza tutti noi dobbiamo fare uno sforzo in più per provare a unire gli sforzi e le intenzioni, invece che a dividerci”

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su