Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Tragedia Vulcanello, grande commozione ai funerali dei 2 bambini

VIDEO
colonna Sinistra

Tragedia Vulcanello, grande commozione ai funerali dei 2 bambini

In centinaia ad Aragona si sono stretti alla famiglia Mulone

Palermo, (TMNews) – Un lungo applauso e decine di palloncini azzurri e rosa hanno accompagnato l’uscita dalla chiesa della Madonna di Pompei ad Aragona, delle due bare bianche di Laura e Carmelo Mulone, i fratellini di 7 e 9 anni morti sabato scorso per l’esplosione di un vulcanello nella riserva delle Maccalube in provincia di Agrigento. Al funerale, officiato dal cappellano militare don Salvatore Falzone, hanno partecipato centinaia di persone commosse, strette a mamma Giovanna e papà Rosario straziati dal dolore.

“Non vedremo più Laura e Carmelo a scuola, nè giocare con gli altri bambini – ha detto don Falzone -. Ma da oggi sono angeli, la cui luce brillerà per sempre”. Il parroco ha anche letto un messaggio di monsignor Montenegro, l’arcivescovo di Agrigento, che unendosi al dolore della famiglia Mulone, ha auspicato che ci si impegni affinchè in futuro non accadono altre tragedie simili.

In chiesa c’era anche il comandante generale dei Carabinieri, Leonardo Gallitelli, che al termine del funerale ha stretto i genitori dei bambini, abbracciando Rosario, appuntato in servizio a Joppolo Giancàxio. Tra le corone di fiori anche quella di Legambiente Sicilia, che gestisce la riserva dove è avvenuta la tragedia.

Fuori dalla chiesa, la mamma dei bambini ha invocato un’ultima volta i suoi figli, ripetendone i nomi con la voce rotta dal pianto mentre gli amici e i compagni di scuola delle due piccole vittime di questa tragedia liberavano in cielo decine di palloncini con i nomi Laura e Carmelo, ed una semplice frase: “Vi vogliamo bene”. I bambini riposeranno in due loculi messi a disposizione dal comune di Aragona.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su