Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Rischio idrogeologico in Campania, i rimedi della Regione

VIDEO
colonna Sinistra

Rischio idrogeologico in Campania, i rimedi della Regione

Assessore Cosenza: "Piani di emergenza e presidi territoriali"

Bombe d’acqua, alluvioni, frane, colate di fango: la tragedia di Refrontolo, nel Trevigiano, ha riportato in prima pagina il rischio idrogeologico del territorio italiano. La Campania è al secondo posto, dopo il Veneto, fra le regioni a più alto rischio. L’assessore campano della protezione civile Edoardo Cosenza. “La Campania ha queste colate di fango tremende dovute alle eruzioni del Vesuvio”. “E’ pericolosa anche per il rischio alluvioni vero e proprio: ha dei fiumi con aree molto abitate. Un esempio è il Sarno”. Piogge torrenziali, centri abitati a ridosso delle aree a rischio. Ben 504 isu 551 i Comuni messi in preallarme dai geologi. Quali sono i rimedi pensati dalle autorità in caso di pericolo? “Ci sono interventi strutturali veri e propri e anche interventi significativi contro le frane, ma sono interventi molto impattanti per cui è escluso che si possano fare in costiera amalfitana, ad esempio”. La Regione ha anche indetto un bando per finanziare i piani di emergenza dei singoli comuni e finanzia attraverso fondi europeii presidi territoriali: un geologo e un ingegnere ambientale o civile per ogni comune, due figure di volontari che aiuteranno il sindaco a decidere in caso di pericolo.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su