Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Venezia, arresti eccellenti per presunte tangenti sul Mose

VIDEO
colonna Sinistra

Venezia, arresti eccellenti per presunte tangenti sul Mose

In manette il sindaco Giorgio Orsoni, coinvolto anche Galan

Venezia (TMNews) – Nessuna distinzione per i colori politici; la raffica di arresti eccellenti a Venezia, nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte tangenti per il Mose, il sistema di dighe mobili ideato per proteggere la laguna dall’acqua alta, non ha risparmiato nessuno, a prescindere dai pariti di appartenenzaAi domiciliari è finito il sindaco della città, Giorgio Orsoni del Pd così come l’assessore regionale alle Infrastrutture Renato Chisso, di centrodestra, il consigliere regionale del Pd Giampiero Marchese, gli imprenditori Franco Morbiolo e Roberto Meneguzzo e il generale in pensione Emilio Spaziante. In tutto sono 35 le persone fermate, un centinaio gli indagati.Coinvolto anche l’ex governatore del Veneto e ministro del centrodestra, Giancarlo Galan.L’inchiesta sulle presunte mazzette a politici e imprenditori per il Mose, aperta nel 2011 dalla Guardia di Finanza, ha avuto come primo protagonista Giorgio Baita, ex Ad della Mantovani, società padovana leader nel campo delle costruzioni, e riguarda presunti reati di corruzione, concussione e riciclaggio.In manette era già finito anche l’ingegnere Giovanni Mazzacurati, il papà del Mose.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su