Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Il Papa commosso allo Yad Vashem: “Mai più mostruosità simili”

VIDEO
colonna Sinistra

Il Papa commosso allo Yad Vashem: “Mai più mostruosità simili”

Bacia le mani ai sopravvissuti, prega al memoriale

Milano (TMNews) – Il capo chinato davanti alla fiamma perenne che ricorda le vittime della Shoah; l’abbraccio con il presidente israeliano Simon Peres, il discorso commosso davanti ai sopravvissuti della Shoah, e quel grido contro l’antisemitismo: “Mai più, mai più questa tragedia incommensurabile”. Sono i gesti che hanno segnato la visita del Papa allo Yad Vashem, il memoriale che ricorda i 6 milioni di ebrei sterminati nei campi di concentramento dai tedeschi. una visita carica di significato quella di Bergoglio nel luogo simbolo degli ebrei a Gerusalemme. Arriva subito dopo aver fatto tappa al monumento dedicato al fondatore del sionismo, Theodor Herzl.Il pontefice entra insieme al presidente Peres e al premier . Qualche minuto di silenzio davanti alla fiamma che arde per ricordare le vittime dell’Olocausto. Poi l’omaggio con una corona di fiori e la scritta “Papa Francesco”.Francesco si ferma ancora in silenzio, testa chinata, per commemorare gli ebrei uccisi nei campi di concentramento.Poi saluta i sei sopravvissuti, uno per ogni milione di ebrei sterminati. E c’è ancora un gesto insolito: è il Papa a baciare le mani di ciascuno di loro, quattro uomini e due donne. Ascolta silenzioso le loro storie, storie cariche di dolore, ma anche ricche di speranza per un futuro di pace. Scrive tre volte la parola “vergogna” sul libro d’onore: vergogna per ciò che l’uomo è stato in grado di fare, vergogna perché l’uomo si è impadronito del male, vergogna perchè l’uomo, credendosi Dio, ha sacrificato i suoi fratelli”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su