Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Pompei, cade il muro di una bottega: terzo cedimento in 3 giorni

VIDEO
colonna Sinistra

Pompei, cade il muro di una bottega: terzo cedimento in 3 giorni

La causa le piogge. Unesco: se non si interviene crolla tutto

Napoli, (TMNews) – Un muro di due metri che crolla in una zona non scavata dell’area archeologica di Pompei, nella regione V, insula 2, all’angolo dell’isolato lungo via Nola. solo l’ultimo crollo che ha come teatro gli scavi, il terzo in tre giorni. Sotto accusa c’è il maltempo: la pioggia avrebbe appesantito una grande massa di terra e provocato il cedimento del muro sottostante, quello di una bottega chiusa al pubblico.Il presidente della Commissione italiana per l’Unesco, Giovanni Puglisi, lancia l’allarme: Pompei è “destinata a crollare perintero se non si interviene seriamente con un piano straordinario che metta in sicurezza l’area dal punto di vista geologico e geo-idrico” dice, non c’è più tempo da perdere.Il rischio idrogeologico è uno dei più urgenti da affrontare secondo la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Pompei: quando piove l’acqua appesantisce i terreni, le aree più a rischio sono quelle non ancora scavate a ridosso delle strutture murarie antiche, in particolare lungo via dell’Abbondanza e via di Nola.L’area archeologica di Pompei conserva circa 2 milioni di metricubi di strutture murarie antiche, 17 mila metri quadrati diintonaci, 12 mila metri quadrati di pavimenti. La gran partedell’area – spiega il soprintendente Luigi Malnati – è oggetto del Grande Progetto Pompei, che sta mettendo in sicurezza e restaurando tutte le strutture, incluse quelle che hanno ceduto.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su