Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Palermo, un avvocato dietro al traffico di stupefacenti con Perù

VIDEO
colonna Sinistra

Palermo, un avvocato dietro al traffico di stupefacenti con Perù

Memi Salvo era stato coinvolto in altre inchieste per mafia

Palermo, (TMNews) – Nonostante fosse stato condannato per mafia come “consigliori” dei potentissimi boss Graviano di Brancaccio, l’avvocato Memi Salvo era tornato ad indossare la toga, lasciando immaginare un pentimento. Il legale palermitano è stato invece arrestato con l’accusa di essere il regista di un vasto traffico di droga che tra il Perù e Palermo portava sui mercati “bene” della città chili di cocaina purissima. Insieme a Salvo sono finite in manette altre 14 persone che avevano messo a punto tecniche sofisticate per nascondere la droga, dalla fusione con il silicone per ricavare il doppiofondo di una valigia, all’impregnamento dei vestiti. L’indagine, condotta dalla Sezione Antidroga della Squadra Mobile con il coordinamento del procuratore aggiunto Teresa Principato, sottolinea il forte interessamento di Cosa nostra nel traffico di droga: “Arrivare a organizzare un traffico stabile, duraturo e per grossi quantitativi dà un’idea di personalità e entourage di questa persona connotato dalle conoscenze mafiose”.Il gruppo era capace di soddisfare qualsiasi richiesta degli acquirenti, dalla cocaina all’eroina, all’hashish. L’avvocato ha venduto la nuda proprietà dell’appartamento in cui viveva la madre per trovare i 40mila euro necessari per acquistare le partite di droga dal Sud America. Droga che immessa sul mercato avrebbe fruttato diversi milioni di euro.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su