Header Top
Logo
Domenica 30 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Il parroco di Lampedusa: “Lacrime dei migranti sono le nostre”

VIDEO
colonna Sinistra

Il parroco di Lampedusa: “Lacrime dei migranti sono le nostre”

Nell'isola arriva l'elemosiniere del Papa Konrad Krajewski

Lampedusa, (TMNews) – Una comunità sconvolta, che deve restare unita e sostenersi. Il parroco di Lampedusa, don Stefano Nastasi, esce allo scoperto nel giorno in cui nell’isola arriva Konrad Krajewski, l’elemosiniere inviato dal Papa per stare vicino ai lampedusani e ai migranti. Un’unica grande famiglia unita nel pianto e nel dolore:”Questi fatti speravamo che mai sarebbero accaduti né qua ne in altri luoghi, perché fa rabbia – dice il parroco – Le loro lacrime sono le nostre lacrime, il loro dolore è il nostro dolore. Condividiamo pienamente con loro questo momento di tristezza, di distacco, quasi di abbandono che però non ci può portare a un segno di rassegnazione, a una chiusura su noi stessi, a quella globalizzazione dell’indifferenza, ma ci deve fare uscire fuori da tutto questo attraverso la speranza che nutriamo nel cuore a poco a poco farci risalire”.Di fronte alle polemiche sui ritardi nei soccorsi, don Stefano invita la sua comunità ad abbracciarsi l’un l’altro: “Si doveva e sicuramente si poteva evitare – sottolinea – adesso non bisogna additare la colpa a nessuno perché probabilmente qualcosa non ha funzionato, non lo so cosa possa essere successo di preciso”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su