Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Costa Concordia, lo psichiatra: bambini a bordo traumatizzati

VIDEO
colonna Sinistra

Costa Concordia, lo psichiatra: bambini a bordo traumatizzati

Dottor Scamardella segue i pazienti napoletani tra 4 e 8 anni

Napoli, (TMNews) – Hanno subito un trauma grave e molto raro, paragonabile solo a quello dei passeggeri del Titanic, hanno visto la morte e il terrore negli occhi dei compagni di viaggio. Sono i bambini che erano sulla Costa Concordia la notte del naufragio, il 13 gennaio 2012. Un anno e mezzo dopo Antonio Scamardella, medico criminologo e psichiatra forense, racconta cosa è successo ai quattro bambini affidati al Dipartimento di Salute mentale, settore infantile, dell’Asl Napoli 1: figli di due coppie che erano sulla Concordia, oggi hanno tra 4 e 8 anni. “Quello che hanno attraversato loro è un evento unico, super traumatico, nettamente superiore a quello dei vari terremoti, come quello del 1980 e dell’Aquila”.Scamardella deve redigere il dossier che a febbraio 2014 sarà consegnato al Tribunale: la diagnosi è di “sindrome post traumatica da stress cronica di grado severo”. “Tutte le tappe di gioco, dello sviluppo, sono condizionate da questo evento. Anche a scuola il rendimento dei bambini è calato notevolmente. Le mamme sono costrette a 8 anni a mettere il pannolone ai figli la notte e anche durante la giornata può capitare qualche episodio. A scuola e nei giochi i maschietti sono più aggressivi, le femmine più passive e tendono all’isolamento”.I tempi sembrano più lunghi del previsto. “Il periodo di latenza per la guarigione è raddoppiato”. L’esperto si augura che i sintomi non continuino in età adulta, dato il rischio che degenerino in psicosi o depressione.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su