Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Napoli, strada chiusa da 3 anni per abbattere alberi pericolanti

VIDEO
colonna Sinistra

Napoli, strada chiusa da 3 anni per abbattere alberi pericolanti

Via Nicolardi trasformata in discarica, i cittadini: riapritela

Napoli (TMNews) – Uno scempio nello scempio. Non solo un’importante strada cittadina di Napoli è rimasta chiusa per tre anni per l’abbattimento, a oggi mai avvenuto, di due pini ritenuti pericolanti e quindi in grado di mettere in pericolo la circolazione stradale ma in questo tempo, cittadini incivili hanno anche trasformato il cantiere in una discarica a cielo aperto. Tutto questo a pochi passi da un parco cittadino dove le mamme portano i bambini a giocare sulle altalene e correre nei prati, anch’esso in parte chiuso proprio a causa del cantiere.Via Nicolardi non è una strada di periferia, tutt’altro. Ci troviamo nel pieno centro di Napoli, al confine tra la zona ospedaliera e San Rocco, in uno snodo centrale per il traffico napoletano.Eppure l’immobilismo di tre anni di lungaggini burocratiche, iniziati quando i lavori di riempimento del sottosuolo hanno reso pericolanti gli alberi, ha trasformato la via in quello che vedete in queste immagini: copertoni, sedili, paraurti, televisori e vecchi mobili accatastati tra i sacchetti d’immondizia lungo la strada, sotto i ponteggi innalzati per facilitare l’abbattimentio degli alberi, sui quali ora campeggiano gli striscioni dei cittadini indignati che incitano a risolvere una questione diventata insostenibile, anche per l’incolumità pubblica, specie dopo la recente tragedia di via Aniello Falcone, in cui una donna ha perso la vita proprio a causa di una albero abbattutosi sulla sua autovettura.Ma la cosa non finisce qui: gli abitanti della zona lamentano anche il fatto che l’Asia, l’azienda napoletana che si occupa dello smaltimento rifiuti, ha aperto un'”area di smistamento” non lontano dal parco, costringendo i bambini a sopportare, oltre al degrado, anche il cattivo odore.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su