Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Un gigantesco meteorite di rifiuti “precipitato” a Ginevra

VIDEO
colonna Sinistra

Un gigantesco meteorite di rifiuti “precipitato” a Ginevra

E' un'opera d'arte per promuovere il rispetto dell'ambiente

Ginevra (TMNews) – Un gigantesco meteorite di rifiuti è precipitato nel bel mezzo di Ginevra, la capitale economico-finanziara della Svizzera. Non è uno strano ed inspiegabile fenomeno celeste ma si tratta di un’opera d’arte decisamente provocatoria per sensibilizzare l’opinione pubblica sul rispetto dell’ambiente.”Il meteorite che vedete alle mie spalle – spiega il consigliere comunale Guillome Barazzone – rappresenta l’equivalente della quantità di carta che normalmente viene buttata in terra nella città di Ginevra in soli 3 giorni. Sono 35 tonnellate, mi sembra un po’ troppo. Per questo abbiamo ideato questa campagna di sensibilizzazione, per invitare i cittadini a buttare le cartacce nei cestini dei rifiuti e non per terra”.Il meteorite, realizzato dagli architetti della Fresh Design, è fatto di ciarpame di ogni tipo e misura 6 metri di diamentro. All’interno c’è nascosta una macchina del fumo che dà all’opera un’immagine ancora più sinistra e ultraterrena tanto che nei giorni immediatamente successivi alla sua installazione alcuni cittadini hanno chiamato preoccupati i Vigili del fuoco.”La Svizzera è pulita – conclude Barazzone – e voglio continuare a manterla così. Quindi per mantenere la nostra qualità di vita dobbiamo incoraggiare le persone a fare la cosa giusta e a buttare i rifiuti nei cestini e questa sfera sicuramente contribuisce a raggiungere quest’obiettivo”.La risposta dell’opinione pubblica all’installazione è stata più che positiva. Dopo lo sconcerto iniziale c’è stato un tam tam generale tra i cittadini di Ginevra. Esattamente il risultato che i promotori intendevano perseguire con l’iniziativa.(Immagini Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su