Header Top
Logo
Giovedì 19 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ebook o manuali, all’università l’importante è il contenuto

VIDEO
colonna Sinistra

Ebook o manuali, all’università l’importante è il contenuto

Parte concorso è-book per studenti: chi vince ha la retta pagata

Milano, (TMNews) – Una sfida per capire se sia arrivato il tempo dell’università senza libri, grazie alle nuove tecnologie. Si chiama “è-book” il concorso per gli studenti universitari promosso da Aie, Associazione italiana editori, e dal mondo universitario in occasione del Maggio dei libri: il compito di presentarlo all’università Bocconi di Milano, nella Giornata mondiale del libro, è affidato all’attore e scrittore Alessandro Bergonzoni con “Dis-education for free?”. “Mi piaceva spostare l’attenzione non solo sull’oggetto del mercato, il libro, ma su quello che non si vede. Sono contro la cultura colluttoria, cioè ci leggiamo un libro, mandiamo giù e ci siamo sciacquati la bocca. Ciò che resta del libro deve nutrirti, a me interessa il libro umano, cosa siamo noi”.Il concorso, riservato agli studenti universitari fino a 30 anni, prevede la creazione di uno slogan di 50 caratteri sul tema “All’università i libri li compro perchè…”: in palio 5 premi da duemila euro per pagare la retta o comprare libri. Lo spunto viene dai dati: il 55% della popolazionem non legge neanche un libro in un anno, così come un universitario su 4. Mirka Daniela Giacoletto Papas, presidente del gruppo accademico professionale di Aie.”Non c’è differenza per noi quando si parla di libri tra libro cartaceo e digitale, l’importante sono i contenuti. Noi editori stiamo investendo sull’ebook anche se il ritorno è molto più basso dell’investimento, ma sappiamo che questa è la direzione verso cui si va e non si torna indietro”.Al concorso si partecipa compilando un modulo su www.aie.it, scade il 23 maggio.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su