Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Farmaceutica, intesa tra aziende per salvare un impianto lombardo

VIDEO
colonna Sinistra

Farmaceutica, intesa tra aziende per salvare un impianto lombardo

MSD Italia e Mediolanum Farma: "Difesa un'eccellenza italiana"

Milano (TMNews) – Un accordo tra due imprese farmaceutiche per salvaguardare l’impianto di Comazzo nel Lodigiano: è una storia inusuale, in tempi di conclamata crisi, quella dell’intesa tra MSD Italia, consociata della multinazionale Merck, che ha scelto di non dismettere l’impianto, e Mediolanum Farmaceutici, che ha investito per assorbire l’intera occupazione del sito. Alessandro Del Bono è l’amministratore delegato dell’azienda che subentra a Comazzo.”Io credo che essere imprenditore significhi innanzittutto essere ottimisti, credere in ciò che si fa e in dove lo si fa. In Italia abbiamo competenze eccezionali, lo stabilimento ha una tecnologia elevatissima e quindi ovviamente ne vale la pena”.La scelta di MSD Italia, che ha convinto la casa madre a percorrere una strada meno semplice e non meramente economica, è riassunta così da Pierluigi Antonelli, presidente e a.d. della consociata italiana di Merck.”Avendo deciso la nostra casa madre di chiudere Comazzo, l’affiliata italiana si è impegnata a trovare un acquirente, e quindi a seguire un processo molto più lungo, molto più complicato e meno remunerativo pur di preservare le eccellenze che esistevano ed esistono nello stabilimento di Comazzo”.Al centro dell’operazione l’impianto lodigiano, definito una vera eccellenza italiana. “Abbiamo preferito – ha aggiunto Antonelli – avere un approccio molto più difficile, molto più complesso, convincendo la casa madre a non chiudere lo stabilimento”.E il messaggio che arriva dal Park Hyatt di Milano è di ottimismo, anche in tempi di crisi. “Sì – ha concluso Del Bono – si può ancora fare industria in Italia. Se lo si può fare in Francia, in Germania, in Spagna, negli altri Paesi europei, ovviamente la si può fare anche in Italia”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su