Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Masticazione foglie di coca: Bolivia nel trattato Onu anti-droga

VIDEO
colonna Sinistra

Masticazione foglie di coca: Bolivia nel trattato Onu anti-droga

Concessa una deroga. Morales: "Ha vinto la nostra cultura"

La Paz, (TMNews) – La Bolivia torna nel trattato anti-narcotici delle Nazioni Unite dopo che gli è stata concessa una deroga per la “masticazione delle foglie di coca”. Il paese sudamericano si era ritirato dalla convenzione per protesta contro il fatto che le foglie di coca, tradizionalemnte usate come energetico naturale dalla popolazione locale, fossero considerate alla stregua della droga e dunque illegali.”La nostra cultura ha vinto – ha detto il presidente boliviano Evo Morales – la nostra identità ha trionfato, le foglie di coca, che rappresentano la cultura andina, hanno trionfato. Però, se vogliamo essere responsabili verso la vita e verso l’umanità, non ci può essere una produzione incontrollata di coca perché sappiamo che una parte di essa viene dirottata verso il mercato illegale”.Masticare foglie di coca, in Bolivia è una tradizione secolare e anche se sono la materia prima per la produzione di cocaina, si tratta soprattutto di un fatto culturale. Anche per questo le Nazioni Unite hanno concesso a La Paz di rientrare nel trattato seppure con “riserva”.”E’ una sensazione bellissima – dice quest’uomo – finalmente la comunità internaizonale ha capito che la foglia di coca non è cocaina”.”Per noi la coca rappresenta il nostro patrimonio culturale – aggiunge quest’uomo – la coca ci dà la vita, lo studio, il lavoro per i nostri figli e la salute soprattutto”.Il passo successivo a cui puntano i “cocaleros” è l’industrializzazione della produzione di foglie di coca e la depenalizzazione del loro consumo in tutto il mondo.(Immagini Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su