Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Genova, ammissibile il “rito Fornero” per licenziare Schettino

VIDEO
colonna Sinistra

Genova, ammissibile il “rito Fornero” per licenziare Schettino

Il legale del capitano: imbarazzanti per Costa 2 riti paralleli

Genova (TMNews) – La Costa Crociere può ricorrere al cosiddetto “Rito Fornero” per licenziare il comandante della Concordia, Francesco Schettino. La ha deciso il presidente della sezione lavoro del tribunale civile di Genova, Enrico Ravera, aggiornando la data del processo al 14 marzo 2013. L’avvocato di Costa Crociere, Camillo Paroletti.”Dalla lettura del dispositivo del provvedimento che il giudice ha dato – spiega -ritengo abbia condiviso le nostre impostazioni da noi data sull’ammissibilità anche da parte del datore di lavoro di utilizzare, in sede di accertamento della legittimità del licenziamento, il procedimento così chiamato secondo il rito Fornero e questo è quanto”.Il “rito Fornero”, prevede tempi più rapidi per le cause di lavoro ed è stato concepito per aiutare i lavoratori indebitamente licenziati. In questo caso, tuttavia, la Costa C rociere se ne è avvalsa – parallelamente al rito ordinario – per licenziare il capitano della nave naufragata all’isola del Giglio il 13 gennaio del 2012. Secondo il legale di Schettino, Rosario D’Orazio, però ora Costa Crociere si trova con due procedimenti pendenti in conflitto tra loro.”Sicuramente uno dei due non può gestirlo, quindi ora ha un conflitto interno tra il suo rito speciale e il suo rito ordinario e quindi l’udienza fissata al 31 gennaio come ordinario e al 14 marzo come speciale, l’unica certezza che ho in questo momento è che entrambi i riti non possano proseguire”.Sulla vicenda, inoltre, è aperto un terzo procedimento, a Torre Annunziata nel napoletano in seguito al ricorso di Schettino contro il licenziamento da parte della compagnia.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su