Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Costa Concordia, 13 gennaio 2012: il ricordo di chi vive a Giglio

VIDEO
colonna Sinistra

Costa Concordia, 13 gennaio 2012: il ricordo di chi vive a Giglio

Le testimonianze dei gigliesi che vissero la tragedia

Isola del Giglio (TMNews) – Costa Concordia, un anno dopo. Ecco cosa rimane della nave da crociera naufragata il 13 gennaio 2012 davanti all’isola del Giglio, in Toscana. Il gigante è ancora lì, ribaltato di quasi 90 gradi sul fianco destro e adagiato sul fondale di fronte al porto dell’isola. Intorno, le gru e la chiatta di servizio del consorzio italo-americano Titan-Micoperi che sta lavorando al recupero. Un’operazione lenta e difficile, come sottolinea il sindaco del Giglio, Sergio Ortelli.”Non può prescindere dagli imprevisti che ancora oggi temo che ci siano e che portino ancora più in là la rimozione. In tutti i sensi l’auspicio che faccio è che la nave venga riportata via entro fine anno”.In paese, intanto, è ancopra vivo il ricordo degli sguardi e della disperazione dei naufraghi man mano che arrivavano sull’isola. Molti di essi, ricorda il parroco, Lorenzo Pasquotti, vennero accolti in chiesa dove ancora sono conservati alcuni oggetti che riportano a quella tragica notte.”Rimane – dice – Tutta questa gente che occupava la chiesa, questa presenza multietnica e poi nei giorni dopo quelli che non c’erano.”Le vittime accertate furono 30, due sono ancora disperse. Il frammento dello scoglio che causò la falla, intanto, verrà rimesso a posto come spiegato il vicesindaco-eroe Mario Pellegrini che la notte del naufragio salì sulla nave per prestare i primi soccorsi ai passeggeri.”Lo scoglio viene rimesso in mare – dice – per la motivazione che l’isola vuole continuare a essere quello che era prima. Una bella isola per i villeggianti, con il mare pulito, la gente che si diverte che viene qua noel divertimento, non nella tragedia”.(Immagini Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su