Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ambulanze ferme al Pronto Soccorso. Un primario: colpa di Bondi

VIDEO
colonna Sinistra

Ambulanze ferme al Pronto Soccorso. Un primario: colpa di Bondi

Allarme del 118 rientrato dopo un incontro con la Polverini

Roma, (TMNews) – Ambulanze ferme e parcheggiate davanti ai pronto soccorso: negli ospedali di Roma non ci sono più posti letto per i pazienti. L’allarme lanciato dal coordinamento del 118 deve aver smosso non poco le acque, se dopo un incontro di un paio d’ore con la presidente dimissionara Renata Polverini, è rientrato. Eppure uno dei primari dell’Ospedale San Giovanni, Giuseppe Lavra, vicepresidente dell’Ordine dei Medici della Capitale, sentito prima che la situazione fosse risolta, ha ben chiaro il responsabile di questa crisi: Enrico Bondi, ex commissario alla sanità del Lazio.”Bondi ha gettato l’allarme nel servizio sanitario del Lazio e ha anche creato un disservizio reale e concreto non producendo una proroga dei precari, che lavorano principalmente presso i pronto soccorsi. E oggi siamo ai riverberi della pessima gestione della sanità del commissario Bondi al quale non dobbiamo nessun ringraziamento per come ha trattato la sanità del Lazio”.I numeri forniti dal 118 sono impressionanti: ci sono in tutta la provincia di Roma circa 100 ambulanze, e il 20% è bloccato per assenza di posti letto.”C’è un disagio che è cresciuto in modo esponenziale. Noi siamo al limite della possibilità di portare avanti il nostro compito ed è una cosa che tolleriamo più”

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su