Header Top
Logo
Domenica 30 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Palermo, dopo 33 anni si fa luce su omicidio guardia carceraria

VIDEO
colonna Sinistra

Palermo, dopo 33 anni si fa luce su omicidio guardia carceraria

Calogero Di Bona ucciso nel 1979, boss mafia mandanti e esecutori

Palermo, (TMNews) – Un caso di omicidio risolto a 33 anni di distanza: un caso di cronaca dietro il quale emerge il potere che i boss mafiosi esercitavano nel carcere dell’Ucciardone. Il lungo e complesso lavoro della Direzione Investigativa Antimafia di Palermo ha permesso di individuare autori e mandanti dell’omicidio del maresciallo Calogero Di Bona, vicecomandante degli agenti di custodia del carcere, ucciso il 28 agosto 1979.L’indagine dimostra che ad ordinare la “punizione” di Di Bona, strangolato e poi bruciato, fu Rosario Riccobono, 83 anni, allora capo del mandamento mafioso di Tommaso Natale. Autori del sequestro sono ritenuti i boss Salvatore Lo Piccolo, 70 anni, e Salvatore Liga, 81.L’omicidio del maresciallo è collegato all’aggressione subita in carcere da una giovane guardia carceraria che provò a richiamare i boss detenuti nella IV sezione perché circolavano troppo liberamente: un’abitudine che negli anni sarebbe passata alla storia come “Grand Hotel Ucciardone”. L’episodio, e la mancata sanzione nei confronti degli autori dell’aggressione, furono citati in una lettera anonima invata alla Procura, al Ministero di Grazia e Giustizia e a due quotidiani cittadini. Nella missiva, le guardie lamentavano non solo la mancata punizione del detenuto ma anche “il potere di mafia” dei boss in carcere: il “tribunale” della mafia sentenziò in maniera rapida e spietata la vendetta. Per fare chiarezza sull’accaduto la Dia si è avvalsa di alcuni collaboratori di giustizia.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su